• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Donna / Accessori

Autunno / Inverno — 2001

Cartella Stampa

Immagini come musica, ritmo di forme e colori …

“C’è il senso del classico, ma con il gusto dell’azzardo e di un tempo della vita accelerato. C’è la definizione di una nuova opulenza che non si esprime in ricami preziosi, ma nel contrasto dei materiali arditi e nella sublimazione di quelli tecnologici. C’è la mescolanza voluta tra maschile e iperfemminile: una miscela ribelle e splendente che, d’istinto, mi riporta agli anni d’oro del rock: David Bowie, Mick Jagger, Iggy Pop. Alla grande tradizione del vestire inglese, con marsine, dinner jacket, cappotti da postiglione, sconvolta da tessuti lucidi, materiali strani, stoffe contraddittorie…

Anche il mio nuovo tailleur - un termine in sé quasi in disuso - nasce da questa volontà di trasformare, diventando un bolero ridottissimo, quasi un coprispalla gessato, sopra tenere camicie e candide bluse, serrate da bustier come stringivita, fatti di preziosi intrecci di stringhe. Il pantalone è aderentissimo, oppure rivela una rinnovata dimensione alla zuava, con la coulisse alla caviglia. Le camicie sono simili a giacche da motobiker, i pullover riducono la lunghezza delle maniche, le giacche hanno spalle insellate e maniche a jambon per accentuare l’aspetto femminile. Il velluto a coste grosse, morbido come un tricot, costruisce un corsetto da moutard: imbottito di lapin trapunto, dotato di carenature esterne che lo sostengono e ornato di sontuosissima lince…

Ho voluto la lince immacolata e picchiettata anche per adornare cappotti di cammello che dietro l’aplomb classico nascondono uno spirito selvaggio e ad ogni passo lasciano intravedere il pantalone borchiato. Ho foderato la redingote con nappa imbottita nera tagliata al vivo, oppure in cavallino rasato e stampato a zebra che richiama l’optical del pantalone. Ho strizzato intorno al corpo, come fosse un abito, il trench di finto leopardo e di pony artico trattato come scimmia…

Mentre disegnavo, mi sono accorto che certe forme, un certo andamento della linea, un aleggiare leggero di taffetà alludevano in qualche modo ad un’eleganza impeccabile e canonizzata, facendone proprie alcune regole che rimandano al classico. Così, sulla gonna a pieghe si porta la redingote a chiglie d’organza che si contrappone al pastrano ad “A” in double, con il bordo di paillettes nere. Un senso lussuoso di stravaganza affiora anche dove i capi sembrano avere l’origine più tradizionale. Per questo, ho trattato come denim la rigorosa flanella, contraddicendola con interni, bordi, tasche trompe-l’oeil in preziosa volpe argentata. Ho trasformato i jeans in magiche incrostazioni di broccato tartan e le gonne in soffici astucci di mohair. Sino ad esplodere nelle giacche di tweed plastificato spruzzate di cristalli iridescenti e nei cappotti con ricami metallici sui tessuti di broccato argenteo, alla Ziggy Stardust…

Per la sera - lieve, eterea, spumeggiante - ho creato abiti con code - come dire? - naturali. Miriadi di strati sovrapposti, senza peso; gonne a spicchi di chiffon; top a bouquet formati da piccoli fazzoletti di organza cuciti fitti; intarsi che sembrano in pelo di scimmia e invece nascono dall’incrocio del lapin con la kidassia. Giochi di nero e di grigio, tracce di fucsia, segno storico della nobiltà. Mix dinamizzanti con la pelle, con le borchie, con gli stivali cuissard in raso o fustagno stretch, quasi un tutt’uno con il vestito, che inguainano la gamba come una calza e la slanciano incredibilmente…”.

Gianfranco Ferré

Accessori GIANFRANCO FERRE’: Bijoux - Borse - Cinture - Guanti - Occhiali - Scarpe

Tessuti e filati: Boselii Jersey - Buche - Canepa - Clerici - Cugnasca - Dormeuil - Erica - Ferla - Ferno -Fila -F.P.R. - Girani - Gruppo Dondi - Jackytex - Lagattolla - Lanificio Colombo - Loro Piana - Ostinelli – Piacenza - Pontoglio - Rafanelli - Raphael - Ratti - Redaelli - Serikos - Soies de France - Solstiss – Sophie Hallette - Taroni - Teseo – Tessilcar - Tessitura di Quaregna – Torello Viera - Verga

Pellicce Saga Furs of Scandinavia

Press release photos: Marco Marezza

Headstyling artist: Julien d’Ys

Makeup artist: Mary Greenwell

Fashion show production: Sergio Salerni – e20