• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Donna / Accessori

Primavera / Estate — 1996

Cartella Stampa

Collezione Prêt-à-porter

“D’istinto e, insieme, per volontà, ho semplificato ancora di più il sistema del vestire, dando significato e senso al concetto di prêt-à-porter di lusso e sottolineando le caratteristiche che questo lusso, in effetti, ha…

Ho esaltato l’intenzione e la volontà della donna che lo scopre, perché ha trovato da sola questi valori e sta imparando a servirsene con assoluta autonomia. Per questo, ancora più di prima, mi sono deliberatamente ritirato da una certa artificiosità accentuando la mia scelta di disegnare vestiti: nel migliore dei modi, ottenendo proporzioni nuove ed elaborando un’insolita libertà di formulario: corto, lungo, pantaloni usati a piacere. Tutte quelle che sono le esigenze della vita, ma in una prospettiva moderna, che guarda al futuro …

Per dare enfasi alla forma, ho utilizzato tessuti elasticizzati, che si adattano facilmente al corpo, e tessuti con una loro corposità caratteristica che permette di non foderarli pur sostenendo vigorosamente la linea. Mi sono proposto anche di eliminare tutto ciò che ingombra, si sovrappone, può essere scomodo: per lasciare spazio alla fantasia, al sogno di chi vuole vestirsi con questi abiti, nel lusso …”.

Gianfranco Ferré

Rimandi logici, osservazioni, riflessioni. Che cosa c’è di nuovo nel tailleur nero? Le proporzioni insolite, che il crêpe di lana e seta, o di seta e cotone, favoriscono. Ma nuova è anche la vestibilità totale, ottenuta con i tessuti elasticizzati: in questo caso popeline di cotone, da camicia. Gonne lunghe, corte o pantaloni. Quindi scarpe di foggia più maschile o più da donna, con tacco dinamico a tre, quattro centimetri, leggere come pantofole.

Vestiti da uomo, trasformati in abiti da donna. Nel momento in cui la femminilità e più sicura, il formulario maschile regala, per esempio, certe leggerezze da tessuti di drapperia, per forme che sono più aderenti al corpo.

Compostezza, apparente ascetismo delle forme d’ispirazione orientale. Tailleur senza colletto, bottoni nascosti, nitore delle maniche. Giacche che sembrano brevissimi chimoni, dalle spalle anatomicamente piccole, interpretate con serietà dalla gabardine di doppia seta. Semplicità degli abiti a t-shirt ma tagliati in sbieco, che si drappeggiano naturalmente sul corpo. Oppure di linea diritta e scivolata.

Vestiti senza tempo, quasi senza stagione. Per un’eleganza rifinita ma elementare, dove le piccole giacche si avvicinano al corpo e si indossano senza camicie. Le camicie - tonde, libere, più piccole del consueto - sono di organza e di garza attraverso le quali traspare il corpo, come in una fotografia sfocata.

Libertà dei costumi da bagno leggeri. In maglina simile alla biancheria, bianchi e neri. Oppure di raso e nido d’ape stretch, per un’atmosfera glamour da diva.

Alchimia delle materie. Come in un laboratorio magico, si mescolano fili e sostanze, nascono nuove tonalità… Il più classico dei tessuti da uomo, realizzato in grosso rayon, diventa simile ai foulard africani bianchi e neri. Le scaglie di plastica danno vita a un finto pitone; schegge simili ai corallini da bambini ricoprono le t-shirt e le gonne, da indossare con il golf blu. Strisce di organza nera e bianca disegnano la più trasparente delle gonne scozzesi. La carta stagnola colorata sui tessuti dà una lucentezza mai vista.

L’intelligenza dei colori (nero, nero mescolato a bianco, grigio, blu, rosso Ferré), più che essere un’attitudine metropolitana, risponde all’intenzione di costruire un guardaroba armonioso e duraturo. Su una gamma personale e fonda, di base, tocchi di blu oltremare e il verde delle giade suggeriscono accostamenti diversi e sorprendenti. Per un rispetto vero del guardaroba.

Accessori GIANFRANCO FERRÉ: Bijoux - Borse - Cinture - Guanti - Occhiali - Scarpe

Tessuti e filati: Bucol - Canepa - Clerici - Cuccirelli - Cugnasca - Dondi Jersey - F.P.R. - Isa Seta - Jackytex - Lanificio Colombo - Manolo Borromeo - Punto Seta - Ratti - Reggiani - Serikos - Sordevolo - Taroni - Terragni

Make-up: Francesca Tolot per Freelancer - Prodotti “The Professionals” di Diana De Silva

Hair-style: Aldo Coppola per L’Oreal Coiffure