• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Donna / Prêt-à-Porter

Autunno / Inverno — 1999

Cartella Stampa

“Il futuro non contraddice la ragione umana delle cose, la tecnica si adatta alla sensualità e riflette il glamour, che alla moda dà una vitalità vibrante… Fantasia e principio spartano della sostanza descrivono un equilibrio di opposti: funzione e poesia, solidità e levità, semplificazione e enfasi, purezza e artificio, necessità e gioco. Superato il luogo comune, vinta l’ossessione tecnologica, con un gusto spontaneo si accentuano immagini selvagge, con alchimie soffuse ma radicali si confondono animali veri con animali inventati, simboli con visoni. Si mescolano ombre con impressioni, che appaiono e subito scompaiono, quasi fossero lampi, quasi fosse il guizzo di una chioma fulva che si staglia contro il cielo boreale. C’è un senso elementare di forza, un’energia concentrata ed elegante, da felino. Come se una belva, improvvisamente mansueta, fosse tenuta al guinzaglio con una cintura….”

Gianfranco Ferré

Tra emozione e logica, si dipana un alfabeto di assonanze, di contrasti, di sorprese. Insoliti bustier, in cashmere doppiato di pelle con un vago alone di feticismo, si accoppiano a gonne a portafoglio o pantaloni da jogging, che balenano appena dal cappotto lungo fino a terra. La materia mostra tutta la sua duttilità: le fodere possono trasformarsi in esterni, il senso già forte di scioltezza è accentuato dalla sapienza dei tagli. Elementare, aderente come una seconda pelle, la giacca si apre in due grazie ad una lampo, lasciando sprofondare le mani nelle tasche. Fantastiche mutazioni nascono dal jearsy talvolta rugoso ma leggerissimo e incrostato di breitschwanz, dal cavallino dipinto a mano, dal magico rincorrersi di fili di lana sull’organza. Così, una tecnologia sensuale unisce il guanto direttamente alla camicia di bouclé stretch o al trapunto da coperta quasi polare. Illusioni ottiche, ma con soluzioni realissime, sembravano privare la scarpa del tacco, senza farla piombare raso terra. Perché una linguetta che esce dalla suola dà stabilità al plantare di fibra elastica, mentre le scarpe paiono confondersi con il vestito e diventano calze in helanca tripla rinforzate in pelle. Muffole di lince esplodono sul cappotto e sull’abito di tweed fatto a mano, lievemente maculato, da donna-pernice. Il nylon a spruzzi picchietta la volpe soffice creando indefinibili frange. Ossessivo e trasognato come un incantesimo dei nostri tempi, il naturale si muta in artificiale: il dégradé di ciniglia e cotone ha l’ipnotico movimento di un serpente. Scaglie di jais e canutiglia fremono – nero su nero, lucido su opaco – come un riccio o un istrice nella notte. Sempre più raffinato, il piumino, leggerissimo e caldo, sceglie un tessuto imprevedibile: lo chiffon. In questo magico racconto d’inverno, i kilt da sera, intinti nella pece che alterna chiazze oscure e sprazzi di tartan, hanno ampiezze esagerate, calibrate dall’asciuttezza di bustini in cuoio tagliato al vivo. Anche la camicia si gonfia imprevedibilmente a nuvola, grazie alle stecche di balena in nylon. La tecnica cambia l’aspetto del jeans, con toppe da motociclista in nylon termosaldato o in velluto di seta con inserti di breitschwanz o di flanella, che paiono colorare lungo il pantalone. La felice equazione di diversi modi di essere si esprime nel paltò a uomo blu, di cashmere foderato di pelliccia. Accento di stagione, il visone compare nero e lucente, oppure segnaletico, tinto in viola e turchese, mentre la volpe per foderare il colletto è nera e bordeaux. L’atmosfera è trasognata e forte, intensa e pura, come nei quadri di John Wilhelm Waterhaus (The Magic Circle, in particolare). Combattendo contro freddi che si immaginano polari, la manica, grazie ad una zip, diventa tutt’uno con i guanti, la sciarpa di tessuto termico è attaccata al vestito. Avvolgente e sontuosa come una stola.


Accessori - Accessories GIANFRANCO FERRÉ

Bijoux - Borse - Cinture - Guanti - Lingerie - Occhiali - Scarpe

Bijoux - Bags - Belts - Gloves - Lingerie - Glasses - Shoes

Visone Blackglama – Blackglama minks Visoni Saga – Saga minks

Tessuti e filati - Fabrics and yarns Agnana – Bilics - Boselli Jersey - Buche - Canepa - Clerici – Crevacuore - Crotti – Crugnasca -Dondi Jersey – Erica - Faliero Sarti - Ferla – F.P.R. - Girani - Isaseta – Jackytex – Lanificio Colombo – Limonta – Linea M – Lucchini – Mauro Spriano – Nortessile – Ostinelli Piacenza – Pria – Raphael – Ratti – Serikos – Soies de France – Soltiss Sophie Hallette – Sordevolo – Taroni – Tessilcar – Tessitura di Quaregna – Torello Viera – Verga - Zamori

Fashion show

Hair-styling artist Julien d’Ys

Make-up artist Mary Greenwell

Production Sergio Salerni – e20