• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Donna / Prêt-à-Porter

Primavera / Estate — 2001

Cartella Stampa

“Se penso all’Africa, vedo un album di fotografie scattate in bianco e nero e poi scannerizzate… Profili e forme, sensuali perché elementari, provocanti perché nude, voluminose ed opulente ma composte di finti stracci che ho tradotto in nobilissimi materiali: gazaar di seta, shantung cangiante, doppio taffetà, quadrupla organza… perché tutto sia leggero ma al tempo stesso elaborato, come se si piegassero fogli di carta o lembi di juta. I disegni hanno la forza di tatuaggi che sottolineano la figura, sono segnali di seduzione che si mischiano al body painting. I gioielli diventano vestiti, i vestiti sono gioielli che guarniscono il corpo, giungendo alle radici della linea e della decorazione. Con una magia che vibra di inusitate riflessioni…”

Gianfranco Ferré

Dimenticare le fogge consuete, i soliti gesti, le abitudini…

In modo sontuoso e primitivo, purissimo ed eccentrico, le gonne di shantung sembrano coni alla liquirizia su cui arricciature strategiche creano una serie di balze. I vestiti con un breve strascico hanno la semplice regalità e le voluttuose increspature dei “bubuje” senegalesi. Pezzi di ricami a gros-grain, corposi e uniti tutti insieme, si trasformano in abiti sorprendenti. Sete come cartocci a spirale diventano gonne e camicie. Mixage eccentrici di stili, tocchi sublimi di eleganza tribale: lo spolverino di juta e seta con le scarpe di pitone intrecciato dal tacco dipinto a mano, la giacca couture in pied-de-poule di seta sulla gonna a rete sfrangiata e ricoperta di coralli, il tailleur impeccabile con le maniche ballon. Lo stesso capo si può indossare in due modi diversi: la giacca, aperta la lampo sui fianchi, si porta sulle spalle come una sciarpa, oppure, chiusa, è un tailleur perfetto in gabardine di cotone…

Cascate di collane di corallo coprono il seno e scendono sino a formare un microvestito, oppure si intrecciano con stringhe di cuoio. Pietre e coralli disegnano gioielli incorporati ai vestiti con i ricami-filigrana sulle tulle nero. Ancora coralli, ma a frammenti, e perline nere reinventano il tweed per una maglietta trompe-l’oeil - seconda pelle. La paglia lavorata si colora di rosso, l’organza di cotone tagliata al vivo e la pelle di pitone sfrangiata inventano nuvole fitte ma impalpabili di piume che sembrano di marabù…

L’oro si mescola al rosso per dare più nobiltà al colore. Ritornano, insistenti, il bianco – calce, gesso, guscio d’uovo – e il nero che, ancora con il bianco, traccia prints corporali, disegni scaramantici, etno-tattoos. Splende il madras di seta del Madagascar, burgundy, blu notte, oro antico…

Il piede nudo ed elastico si regge sul tacco iperbolico o sprofonda nella scarpa-cuscinetto in raso. Le calze optical sembrano segni guerrieri…

Dinamismo, energia…


Accessori – Accessories GIANFRANCO FERRÉ

Bijoux - Borse - Cinture - Guanti - Occhiali - Scarpe

Bijoux - Bags - Belts - Gloves - Glasses - Shoes

Cappelli – Hats  By Gentucca Bini

Gioielli etnici – Ethnic jewelry By Piera Benzoni for Gianfranco Ferré Special tank to Tamara Lee Wilson Earl

Tessuti e filati - Fabrics and yarns Bartolini – Boselli Jearsey – Buche – Canepa – Clerici – Cugnasca – Erica – Ferno – Fintessile – F.P.R. – Girani – Gruppo Dondi – Isaseta – Jackytex – Lagattolla – Nordtessile – Olmetex – Paganini – Raphael – Ratti – Reggiani – Serikos – Solbiati - Solstiss – Soluzioni Tessili – Sophie Hallette – Sordevolo - Taroni – Teseo – Tessitura di Quaregna - Verga

Fashion show

Headstyling artist Julien d’Ys

Makeup artist Mary Greenwell

Production Sergio Salerni - e20