• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Uomo / Accessori

Autunno / Inverno — 1993

Cartella Stampa

“Tempi mutati, tempi - in un certo senso - più reali e severi, che mi portano a un conscio rifiuto dell’evasione e dell’esotismo, alla negazione dei revival. Che siano baronetti o figli dei fiori, mi appaiono come inutili allusioni e ricordi di fenomeni che mai potrebbero tornare uguali… Mentre forte, esigente, si fa strada la necessità della tradizione in cui far convivere comfort e realtà attraverso forme consolidate, determinate… Anche il senso dell’evasione si nutre della città e dell’ambiente urbano di certi sport, che si possono praticare o dei quali si ammirano i modi e le atmosfere. Come la boxe con i suoi echi classici… Ne deriva quel sano snobismo dell’essere come si vuole, del scegliere quel che si vuole…”

(appunti da una conversazione con Gianfranco Ferré del 4 gennaio 1993)

Procedendo per istinti e sensazioni, costruendo il lessico di uno stile che si conferma e si arricchisce naturalmente, stagione dopo stagione, il gusto si delinea con sottigliezza, per passi logici. Così la giacca si allunga e il doppiopetto da quattro bottoni passa a otto. I colori squillanti sono immersi in una patina pastosa, che ha la profondità di un’ombra… I tessuti hanno un corpo e un volume che rendono più morbida la tonalità: il bianco e il nero delle lane spugnose, dei tessuti rigonfi ispirati alle magliette tecniche; il crêpe di lana blu lavorato a microtrecce; il pullover di ciniglie mescolate… Il gessato si moltiplica: blu copiativo sul nero, marrone scurissimo e mattone, verde abbinato al blu, blu a righe rosse o zucca…

Cambiando l’ordine degli addendi, il risultato cambia. Nell’aritmetica del gusto, è il modo di unire, assemblare, portare che disegna un’immagine nuova. Il cappotto di cammello - morbido come una vestaglia, come una coperta - si indossa sulla T-shirt e sul jeans gessato come sulla flanella. I blazer di cashmere, velluto liscio o ciniglia dai toni foschi (vinaccia, navy, verde pino) si completano con pantaloni e pullover neri, o con maglieria di ciniglia… Le giacche di lana che sembra cotta, di pesante satin in lana e seta, possono anche scegliere colori decisi, sfumature forti… Il trench color mastice, accorciato al ginocchio e con il colletto di montone, riscalda i vestiti di flanella. Gli abiti di lana gonfia (per l’intima ricchezza del filato) sono molli e sfoderati, con la quieta disinvoltura di un pullover…

Accessori GIANFRANCO FERRE’: Calze - Cappelli - Cinture - Cravatte - Guanti - Occhiali – Ombrelli - Scarpe - Sciarpe

Tessuti: Bocchese - Boggio Casera - Borgomaneri - Bossi - Braghenti - Campore - Dondi Jersey - Ferla - Fila - Fintes - Jackytex - Lanificio Colombo - Larusmiani - Lessona - Limonta - Loro Piana - Manifattura Ferno - Manolo Borromeo - Moessmer - Ormezzano - Pontoglio - Rivertex - Solbiati - Solbiati Sasil - Sordevolo - Tessitura di Tollegno – Thomas - Torello Viera - IWS

Filati: Filpucci - Filatura di Tollegno - Linea Più - Zegna Baruffa - IWS