• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Uomo / Accessori

Primavera / Estate — 1997

Cartella Stampa

“Se dovessi definire questa collezione, direi che è pervasa da un senso cosciente di libertà e da una volontà decisa di virilità. Ma senza cadere nell’eccesso, senza esasperare… Tutto è osservato con lo sguardo di chi si appropria, con autonomia, di formule, codici, forme estetiche dalla forte impronta mediterranea, che arriva a sconfinare con il Nord Africa, letto ed esplorato con l’intelligenza un po’ dissacrante e molto occidentale di Paul Bowles. Nessuna strizzata d’occhio all’esotismo, al marocchino o al berbero. Mi piace però sottolineare la parola Mediterraneo perché contiene una certa dolcezza, una saggia semplicità, una tranquillità che ci appartengono. Per senso di civiltà e per volontà di essere civili, sfuggendo all’asfissia di un solo passato, una sola tribù, una sola cultura, il cui effetto è, per paradosso, la mancanza di cultura…”

Gianfranco Ferré

C’è un senso appropriato e naturale del CORPO e della sua struttura, ma, al tempo stesso, un desiderio di libertà e un rifiuto di ogni costrizione, che privilegiano istintivamente le forme più ampie. Così, la giacca leggera è costruita sostenendo le spalle, segnate dalle spalline di misura giusta, e scendendo poi morbida intorno al bacino. I pantaloni sono larghi di gamba, ma si appoggiano sui fianchi, al contrario del genere baggy.

Superato il minimalismo, la ricerca di ELEMENTARIETA’ si esprime nella particolarità del tessuto, declinando in modo inedito materie come l’organzino anche per abiti, T-shirt, tute. Oppure ricorrendo a mischie in gabardine e seta con effetto cangiante, ma velato da un’ombra di opaco. O allo chambray di cotone, che permette di confermare formule diverse del vestire. Formule che rimandano a mille culture e che ora appartengono alle mille, nuove tribù del vivere di oggi: la camicia senza colletto, lo spolverino che veste come una camicia da lavoro o una giacca allungata, la giacca-camicia in crêpe di lana leggerissimo e svuotato, con la tasca interna e una linea sciolta, morbida.

Il principio del COMFORT è alla base di un guardaroba che offre anche shorts, scarpe dalla suola di bufalo e gomma, pullover che sembrano tinti e sporcati a mano, camicie di tela lavata. Perfino la preziosa seta viene spazzolata perché diventi simile alla ciniglia.

Si sommano gamme di COLORI mediterranei, densi e scuri: terra, muri, rocce. Di colori chiari: grigi sabbiati, bianco alba. Di azzurri slavati, come cieli al mattino presto.

Nell’orizzonte JEANS si colgono segni forti di novità: l’utilizzo dello chambray, laccato, leggerissimo e mescolato a un filo di taffettà per le camicie, e soprattutto l’uso della canapa. Con questa fibra pura e vegetale, che è resistentissima all’usura ed ha in sé il concetto stesso di ecologia, Gianfranco Ferré ha realizzato jeans, camicie e giubbotti, lavati e rilavati perché la mano del tessuto diventi morbida e vissuta. Senza tingerli, per mantenerne il colore naturale.

Accessori GIANFRANCO FERRE’: Calze - Cinture - Cravatte - Guanti - Occhiali - Scarpe - Sciarpe

Tessuti: Bartolini - Bocchese - Braghenti - Campore - Canepa - Clerici Tessuto - Colombo - Cugnasca - Dondi Jersey - Fintessile - F.P.R. - Jackytex - Larusmiani - Lessona - Limonta - Loro Piana - Manifattura Ferno - Manolo Borromeo - Mauro Spriano - Paganini - Paolo Gilli - Ratti - Serikos - Solbiati Sasil - Sordevolo - Tessitura di Quaregna - Tessitura di Tollegno - TJSS - Torello Viera - Verga