• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Uomo / Prêt-à-Porter

Autunno / Inverno — 1996

Cartella Stampa

“A parer mio, la necessità di scioltezza e una praticità che non slabbri nell’incuria e nella sciatteria sono oggi i segni più forti del vestire maschile. Dove cade ogni barriera tra formale ed informale, tra il tessuto sportivo e l’abito ufficiale, perché è il modo di interpretare questi formulari e di adattarli alla personalità che determina la differenza tra i momenti e le occasioni… Per costruire abiti dalla vera disinvoltura e dalla assoluta funzionalità, ho approfondito anche la ricerca sulla tecnologia dello sportswear e delle divise riportandoli all’abbigliamento della quotidianità: più che mai duttile e naturale, nel senso di vicino al corpo, visto che perfino tweed e shetland sono sostenuti da un filo di elastomero che consente fluidità e aderenza…”

Gianfranco Ferré

FORMA

La figura è sciolta e insieme sottile, leggermente allargata verso il basso. Come nella tradizione sportiva e militare che vuole le giacche più comode sul bacino, dove sono collocate le tasche attrezzate. Anche se la vita è appena segnata, tutto è meno rigido e strizzalo, si appoggia facilmente sul corpo. Come nella sartoria di un tempo, le spalle hanno una foggia il più possibile anatomica, con spalline arrotondate. Oppure sono sostenute da cuciture aperte a girelli dello stesso tessuto, in sostituzione delle spalline.

RICERCA

Modifiche strutturali sulle stoffe più tradizionali del mondo: così i tessuti diventano elastici, spessi, adattabili alla linea.

L’elastomero applicato alla lana permette di costruire una foggia più aderente e svelta.

La tecnologia dello sport rielaborata per il guardaroba di ogni giorno dà una diversa praticità a capi caratterizzati da un’ampia libertà interpretativa. Se l’abito è scuro, per esempio, può ben rappresentare anche la formalità senza essere di crêpe o di lana fine.

La pelle, doppiata di nylon o foderata di pile, si conferma una materia all’avanguardia: per l’elasticità, l’animalità, la capacità di durare nel tempo.

TRASFORMAZIONI

Cambia il cappotto: accorciato come un car-coat (al massimo lungo cento centimetri). Sciolto, ma solido: di shetland calandrato, quindi lucido; di cover elastico, dunque gonfio; di alpaca lavata, harris tweed, camel hair imbottiti di orsetto.

Cambia il cappotto aderente, che diventa simile a una giacca allungata: la morning jacket della tradizione, in tessuto morbido. Cambia il blusotto, ispirato ai capi tecnici usati per il bob.

Cambia il vestire per la sera. Bastano un pullover sottile con il collo alto. Bastano polo e T-shirt di velluto giuntato a colori diversi, bastano scozzesi e velluti marezzati.

COLORI

Appartengono alla casistica tradizionale del vestire da uomo. Neutri mielati, blu inchiostro per i gessati stretch. Marroni ombrati per le materie più corpose. Toni oscuri e opachi, da sottobosco e palude, per spazzolini e alpaca lavata. Avorio e nero per i tessuti a check, tweed, puntinati all’inglese.

SOSTANZA

La materia è corposa, spesso compatta: flanella double, garzata da entrambe le parti; flanella con rovescio di seta e viscosa, fluida al vestire.

Maglieria spessa perchè follata. Punto stoffa di cammello per pullover dalla linea semplicissima. Regimental che rispettano la tradizione con bande di canneté e panno applicate sui maglioni a punto stoffa.

Camicie aderenti, piccole, spesso di maglia simile a jersey, sul genere di polo e magliette. Camicie di tessuto stretch che riprendono la formula classica: colletto amovibile, come scelta di decoro, e trasformabile perché si può piegare in maniera diversa, sino a diventare un modello a solino per la cravatta.

Accessori: Calze - Cinture - Cravatte - Guanti - Occhiali - Scarpe - Sciarpe

Tessuti: Agnona - Bartolini - Barzaghi - Braghenti - Campore - Canepa Clerici

Tessuto - Colombo - Cugnasca - Dondi Jersey - Ferla - Fila Fintessile - Jackytex - Lessona - Limonta - Linea Ardizzone - Loro Piana - Manifattura Ferno – Manolo Borromeo - Mauro Spriano - Paolo Gilli - Piacenza - Pontoglio - Ratti - Redaelli Velluti - Reggiani Ricceri - Serikos - Sordevolo - Tessitura di Quaregna - Torello Viera