• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980

Collezioni — Uomo / Prêt-à-Porter

Primavera / Estate — 1997

Cartella Stampa

“L’impressione, osservando i vestiti, è che siano stati plasmati: forme ampie, strutturate, ma realizzate con tessuti cadenti, si contrappongono a forme più snelle e vicine al corpo, senza subire la costrizione dello stretch. In una ricerca di naturalezza, le esperienze tecnologiche non sono più esaltate ma contribuiscono a costruire la concretezza, la solidità dei colori e delle linee, la qualità dei tessuti… Su tutto, ho voluto che aleggiasse un senso di maschia naturalezza, come si potrebbe trovare in un Anthony Quinn giovane, in Raf Vallone o Alexandros Panagulis. Ho voluto che soffiasse una brezza mediterranea, leggibile negli accessori, nell’assenza deliberata di decori, in certi atteggiamenti dall’impronta quasi infantile: come la camicia senza colletto sul pantalone blu, o il pantalone nero con la camicia di percalle avorio…

Nei colori delle pietre, ho realizzato abiti che sono senza tempo: il completo formale, ma talmente morbido che si porta come se fosse un vestito per il relax; il completo sportivo che è talmente vicino al corpo da diventare quasi un’uniforme, le camicie che hanno fogge canoniche…

La vita è segnata, naturalmente; la spalla è arrotondata in un disegno nitido ed elementare, pulito. Con un effetto di leggerezza che tocca anche i capi in pelle, dove ho mescolato anaconda vero e finto, in un’alchimia un po’ stregata, gallapawa sudamericano: pelli soffici e leggere che sarebbero piaciute ad Apelle, figlio di Apollo… Da indossare perfino con i pantaloni gessati marroni e le scarpe dalla suola di bufalo…

Per il vivere quotidiano, per le differenti realtà in cui destreggiarsi ogni giorno, ho messo a punto un nuovo progetto: la Gianfranco Ferré Jeans, prodotta e distribuita da ITJ - Gruppo Ittierre. Un progetto complesso, che solo la tecnologia rende possibile dando consistenza alla fantasia. Così ho tradotto nella disinvoltura dello stile denim i tessuti e i colori del formale: con giubbotti di gabardine lavata e rifinita come in una giacca; jeans di nylon e viscosa con effetti cangianti, capi in carta da pacco tipo sacchetto del pane, che si stropiccia…”

Gianfranco Ferré

Accessori: Calze - Cinture - Cravatte - Guanti - Occhiali - Scarpe - Sciarpe

Tessuti: Bartolini - Bellora - Bocchese - Braghenti - Campore - Canepa –Clerici Tessuto - Colombo - Cugnasca - Dondi Jersey – Fintessile - Jackytex - Larusmiani - Lessona - Limonta - Loro Piana - Manifattura Ferno - Manolo Borromeo - Mauro Spriano - Paganini - Paolo Gilli - Serikos - Solbiati Sasil - Sordevolo - Tessitura di Quaregna - Tessitura di Tollegno - Torello Viera