• 1960
  • 1961
  • 1962
  • 1963
  • 1964
  • 1965
  • 1966
  • 1967
  • 1968
  • 1969
  • 1970
  • 1970
  • 1971
  • 1972
  • 1973
  • 1974
  • 1975
  • 1976
  • 1977
  • 1978
  • 1979
  • 1980
133

Collezioni — Uomo / Prêt-à-Porter

Primavera / Estate — 1989

Cartella Stampa

“Una collezione rigorosa, coerente. Una scelta di qualità omogenea, alta, con le punte di certi tessuti, certi double di lino che richiedono un’attrezzatura e una mano d’opera specializzate… Una collezione ricca, completa, che risponde a tutte le necessità del guardaroba con una serie di proposte flessibili… Da leggere come la conferma di quella semplicità, elementarità e ricerca che connota la “Ferré Uomo”. Da rileggere cercando il filo sotterraneo e unificante di alcune suggestioni: marinaio inizio secolo, coloniale, estate in città anni trenta… Presenze che non si contraddicono, umori che si riconoscono anche se appena accennati perché appartengono alla tradizione dell’eleganza virile…”

(appunti da una conversazione con Gianfranco Ferré del 27 giugno 1988)

Definizione di un guardaroba maschile per tipologie, somiglianze, assonanze, conseguenze.

FORMALE

Tessuti a crêpe; sete naturali opalescenti; gabardine a titoli fini cangianti; lino sostenuto e foderato da abito all’inglese; popeline di cotone e seta. Complementi: camicie di popeline a righe, lino bianco inamidato, cravatte di seta jacquard o stampate su georgette pesante, cintura di pellame prezioso alta quattro centimetri – com’é la regola -, scarpe chevron ultraleggere. Ma anche l’innovazione delle giacche di lino double, in cui la trama traspare in superficie.

DISINVOLTO

Reps di lana e cotone, gabardine di lana e cotone. Mischie corpose di viscosa e lana. Pekary lavorato. Volumi più ampi sia nei pantaloni sia nelle camicie. Giacche soft, quasi destrutturate. Tessuti di peso diverso accostati in monocromia.

Complementi: cinture in tubolare di cuoio smerigliato, morbido. Scarpe sciolte, sfoderate, con la suola di bufalo multistrato e microporosa perché sia elastica e comoda.

GINNICO

Comfort e mancanza di ostentazione, quasi un vago gusto per tutto ciò che é vissuto, recuperato, in un certo senso – tutto interiore e intellettuale – già appartenuto. Cashmere e lambswool uniti a mano, tricot di cotone a patchwork di punti. Argentine in organdis di cotone leggero. Oxford declinato dalla camicia alla giacca ai bermuda. Giacche a vento di lambswool accoppiato al bemberg. Camoscio peso piuma spalmato di gomma, pekary naturale, giuntato con cuciture piatte.